Credits  |  Cerca nel sito  |  Contatti  |  News

Aporie-Testata

beatrice-protagonisti

Sei tu già un mito nella tua Regione
ognuno ti ricorda e ben ragiona,
onorando il tuo nome, è ammirazione
per la tua venerabile persona;
Noi c'incontrammo in più di un'occasione
sia dentro Roma come fuori zona
con me cantando desti chiara prova
che del tuo pari pochi se ne trova.
(Romanelli 1980: 134; Romanelli 1982: 99).
 

Nato Poggio Cancelli (AQ)  ma residente a Roma, dove la sua attività poetica fu registrata da Giorgio Nataletti, nell'ambito delle attività del Centro Nazionale Studi di Musica Popolare. È noto come il capo dei  Moschettieri di Poggio Cancelli.

È tra i primi poeti documentati da registrazioni sonore, poiché, insieme ad Ascenzio De Angelis, fu registrato da Giorgio Nataletti  il 9 settembre 1948 a Roma (Archivi di Etnomusicologia, Raccolta n. 2, Lazio).
Era attivo sia nella capitale, dove frequentava le osterie in cui si riunivano i poeti (cfr. per es. Veo 1949), sia nell'Alta Sabina (cfr. i resoconti delle gare di Emilio Fonzi, Fonzi ,1953 e Fonzi, 1954).
Sciarra  ha inciso a proprie spese, negli anni Sessanta, un disco a 45 rpm contenente  quattro ottave "di pastori di età diverse" già registrate da Nataletti nel 1948. Si tratta presumibilmente di ottave che aveva scritto su richiesta di Romolo Trinchieri (Palombini, 1988: 93-109).

Romanelli così lo ricorda: "Quando venni a Roma, una delle persone più quotate nella poesia improvvisata era Donato Sciarra. Passò del tempo prima che potessi incontrarlo e il mio desiderio di conoscerlo era grande. Quando incontrai Donato Sciarra, trovai in lui tutto quanto si diceva: cioè bravura in ogni campo, né gli mancava abilità e destrezza nel gioco di parole, insomma aveva tutto. Ci siamo incontrati più volte e misurati con un certo calore, ma al limite della cavalleria; siamo stati sempre rispettosi e amici". (Romanelli, 1982:99).